Offerte

Da Nazareth a Copernaum a Piedi

Un viaggio di Stefano Rossi

Nell’atrio dell’aereoporto Ben Gurion, dove sono arrivato da Malpensa con un volo El Al dopo 4 ore di volo, ho potuto cambiare euro in Schekel, senza pagare provvigione dai bancomat presenti di fronte all’uscita dei voli.
Cambio Schekel - Euro http://it.coinmill.com/EUR_ILS.html
In un negozietto di tabacchi cartoleria “Steimazky” ( posto sul lato destro dalla hall, spalle all’uscita) ho acquistato una SIM della “Orange Big Talk” per il mio cellulare (telefonare con “la tre” costa troppo. Fatelo attivare per le chiamate internazionali, dopo vari tentativi sono riuscito a chiamare a casa digitando 014 + 0039 + il numero completo desiderato. Questo prefisso non è presente nell’istruzioni
Poi in treno fino ad Haifa HaShamona (è in centro vicino alla stazione portuale) consultate il sito in inglese per gli orari http://www.rail.co.il/EN/Pages/Homepage.aspx
Giunto ad Haifa ho preso il bus 331 diretto a Nazareth dal parcheggio che si trova all’uscita della stazione c’è un’ufficio prefabbricato con un addetto, si paga all’autista quando si sale, fate presente che volete scendere alla Chiesa dell’Annunciazione. ( nessuno parla italiano ma con un po d’inglese si riesce a farsi capire) il viaggio dura circa un’ora.
A Nazareth ho preso alloggio al Fauzi Azar Inn http://www.fauziazarinn.com/ ( Il proprietario è tra i fondatori de Cammino verso Capernaum.) Qua ho acquistato la guida in inglese “ Hiking The Jesus Trail “
Nel dormitorio “dorm” da dieci letti al costo di 100 nis con lenzuola, coperte e la cucina disponibile , nel prezzo è compresa una mega colazione con cereali, uova, pane, marmellata ecc. ecc. Il dormitorio non è ben illuminato e dalle pietre che rivestono la parete cade un po di sabbia (?) Per accedere ai bagni che ho trovato puliti, occorre attraversare il cortile. Dimenticavo c’è il segnale WI –FI e un pc a disposizione gratis.
Un’altra comodissima sistemazione è presso il convento delle “Sisters of Nazareth” a due passi dalla Basilica dell’Annunciazione e all’Ostello Casa Nova ( da febbraio è al completo), per raggiungerlo basta arrivare all’ingresso della Chiesa e prendere il vicolo sulla sinistra, cento metri più avanti sulla destra c’è il un cartello verde e una porticina metallica bianca.
Oltre alle camere stile albergo c’è il dormitorio maschile e femminile. Pulitissimo con lenzuola coperte e asciugamani e cucina a disposizione, costo con la colazione 90 nis, la colazione va prenotata al mattino.
13.3.2012 - Da Nazareth a Cana Km. 13,4 circa
Tappa inizia in prossimità del Fauzi Azar Inn, altrimenti arrivate con qualsiasi mappa turistica reperibile all’ufficio del turismo ubicato accanto alla Cattedrale, alla chiesetta “ Church Mensa Cristi, troverete i segni rettangolari bianchi con al centro un striscia arancione, oppure solo dei cerchi arancione grossi come una palla da tennis, vi porteranno in cima alla collina.
Dopo aver lasciato alle spalle Nazareth senza difficoltà giungerete all’ingresso del Zippori National Park da non perdere , a pagamento. http://www.goisrael.com/Tourism_Eng/Articles/Sites/Pages/Tzippori.aspx Purtroppo lungo la strada rurale che attraversa una pineta dopo Zippori Park, è costellata da rifiuti di qualsiasi genere, persino una pecora morta era li abbandonata.
Dopo aver attraversato Mash’had arrivo a Cana la guesthouse è accanto alla chiesa che ricorda il primo miracolo fatto da Gesù, la tramutazione da acqua in vino durante un matrimonio, e dove tantissimi pellegrini ogni anno rinnovano la promessa di matrimonio.
http://www.canaguesthouse.com/Home.html Nel link troverete solo i contatti per prenotare. Ho occupato una stanza con tre letti e bagno con altri due pellegrini svizzeri con cena e colazione a buffet non c’èra nemmeno un posto per sedere, ho speso nis 220 , un po troppo, conviene solo la colazione.
14.03.2012 - Da Cana aL Kibbutz Lavi km. 14.4 -circa
Alle sette la sala da pranzo è gremita da pellegrini tedeschi che viaggiano in bus, riesco a trovare un angoletto e faccio un’abbondante colazione. Poi, zaino in spalla mi accingo a partire ed incontro 4 pellegrini italiani di Varese capitanati da Vittorio, ci mettiamo in camino allegramente, TUTTI abbiamo percorso Il Cammino fino a Santiago negli anni scorsi, e vai con i ricordi !!! Prestissimo arriviamo al Kibbutz Lavi con all’interno un hotel , ecco il sito http://hotel.lavi.co.il/HOTEL/2/23/627.aspx fortunatamente ha una stanza libera, pulitissima, unico inconveniente il climatizzatore rumoroso. La colazione, fantastica ! è un pranzo c’è di tutto! Costo nis 260, alla reception si può utilizzare un pc a pagamento
15.03.2012 - Da Kibbutz Lavi a Magdala km. 22,3 -circa
Siamo partiti tutti insieme allegramente, durante la notte è piovuto pesantemente la stradina che serpeggia i campi verdissimo è piena di pozzanghere, il fango argilloso si stratifica sotto le suole delle scarpe formando un blocco unico che camminando improvvisamente si stacca rendendo difficile la camminata purtroppo non ho con me le ghette Il cielo è coperto e soffia raffiche di vento proveniente da nord a tratti comincia a piovere.
Siamo passati dal Hittin Horns National Park, luogo dove nel 1187 si svolse la battaglia di Hittin con la sconfitta dei crociati contro i saraceni comandati dal Saladino.
Le indicazioni del percorso ci portano alla sommità di un tracciato pieno di pietre che sale verso la sommità del colle, alcuni di noi rinunciano perché ritenuto troppo difficile . Ci dirigiamo verso l’autostrada 77 che da Nazareth va verso Tiberias , qua ci dividiamo loro poi prenderanno un taxi fino a Tabagha dove gli ho rivisti il giorno seguente, io cerco ti tornare sul tracciato attraversando alcuni campi, nel frattempo è iniziato a piovere molto forte
Ritrovo il tracciato a Moshav Arbel che mi porta in cima al monte Arbel e nell’omonimo parco. http://www.parks.org.il/BuildaGate5/general2/data_card.php?Cat=~25~~147913528
All’ingresso del parco a pagamento, l’addetta mi consiglia di tornare indietro perché il sentiero a causa della pioggia e delle forti raffiche di vento è diventato molto pericoloso, mi consiglia di ritornare indietro fino ai ruderi della sinagoga e seguire il tracciato verde che scende nella stretta valle, secondo me anche questo tracciato è pericoloso, comunque dopo alcune scivolate senza gravi conseguenze arrivo in fondo alla stretta vallata il sentiero è a volte totalmente coperto dall’acqua del torrente che ci scorre accanto, le mie scarpe sono impermeabili ma basse, dopo alcuni minuti i piedi sono a mollo
Giunto alla fine della vallata con in vista Wadi Haman cambio le scarpe ormai piene d’acqua e i pantaloni sporchi di fango fino alle ginocchia.
Arrivo a Magdala mi fermo davanti al piccolo ufficio postale con una sola impiegata, si possono fare ricariche telefoniche e prelevare del contante con la carta di credito. Incontro Lea la postina che mi affitta il suo bilocale per una notte a caro prezzo nis 250 senza colazione. Nel paesino non ci sono ristoranti occorre andare sulla statale 90 per trovarne uno.
16.03.2012 -Magdala Capernaum km. 10 – circa
Lascio la casa di Lea al mattino prestissimo sotto la pioggia le scarpe sono ancora umide e dopo poco diventano fradice a causa della pioggia sferzata dal vento lateralmente. Decido di abbandonare il tracciato e camminare ai bordi della statale 90 almeno così eviterò il tormento del fango, mi fermo sotto la pensilina di un distributore, si stava scatenando un temporale, il benzinaio che stava effettuando l’operazioni d’apertura si ferma a parlare un po’ con me mi chiede da dove vengo e di dove sto andando, mi incoraggia dicendo che ormai mancano pochi chilometri, dice di essere arabo e di abitare in un paese piccolo poco distante poi mi offre un caffè e dei biscotti. Ci salutiamo stringendoci la mano
Visito la chiesa Tabagha dove rincontro Vittorio e gli altri, infine arrivo a Capharnaum !! Purtroppo camminare per due giorni con le scarpe bagnate ha fatto qualche danno e costatato che gli ostelli/alberghi della zona sono tutti occupati decido di prendere un bus fino a Tiberiade poi un altro fino a Nazareth
Suggerimenti :
- Consiglio vivamente per chi parte in questo periodo di portare ghette e scarponcini alti e un paio di scarpe basse-
-Occorre prenotare con largo anticipo gli ostelli o hotel dove si decide di fare tappa, primavera è considerata alta stagione specialmente nel periodo pasquale.
- Consultate le tariffe praticate in Israele dal Vostro gestore telefonico nel caso acquistate una Sim locale.
-Viaggiate possibilmente in due o più persone, alcuni sentieri sono isolati in caso di cadute gravi è difficile essere ritrovati . Non è affollato come il Cammino francese !!
dal sito:
http://www.goisrael.it/Tourism_Ita/Tourist%20Information/Practical%20Information/Pagine/TOURPHONE.
Componendo il *3888 da qualsiasi telefono, i turisti potranno ricevere delle risposte e un aiuto immediato relativamente ai servizi turistici: richiesta di intervento del Ministero dell’Interno, dell’aeroporto, della polizia o di altri servizi.
- I nostri caricabatteria a due poli funzionano nonostante le prese israeliane siano a tre poli-
Siti Utili:
http://www.viaggiaresicuri.it/?israele
http://www.lonelyplanetitalia.it/destin ... 2ng2cUaPjI
http://www.dovesiamonelmondo.it >br> http://www.goisrael.it/Tourism_Ita/Pagine/default.aspx
http://jesustrail.com/
Guide Utilizzate:
Hiking The Jesus Trail (in inglese)
Lonely Placet - Israele e i Territori Palestinesi
Per altre cose che sicuramente ho dimenticato di scrivere contattatemi direttamente.
stefalsus@gmail.com
Buen Camino
Ecco alcune immagini della Galilea da youtube.com http://www.youtube.com/watch?v=7VE0GKKlxZM
Stefano