Offerte

PARCO DI PINOCCHIO_SIENA_MAREMMA_COSTA DEGLI ESTRUSCHI_LERICI
23-30/07/2012

Un viaggio di michela

Da tempo volevo portare i bambini al Parco di Pinocchio o meglio, io volevo visitare “una boscaglia che è diventata un giardino dove un pezzo di legno è diventato un bambino e un libro un parco” e così in un lunedì di luglio grigio e che promette pioggia siamo partiti…papà Alessandro alla guida, Francesco (11 anni) navigatore di bordo, Beatrice (6 anni) la ricciolina chiacchierina e mamma Michela con cartina geografica…già siamo senza navigatore…che bello!!!vacanza!!!!!!!!!!!!!! Arrivare a Collodi è semplice: dall’Autostrada A1_Firenze Nord ->A11 direzione Pisa Nord->uscita Chiesina Uzzzanese->Pescia km 5->Collodi km 4. Giunti all’ingresso del parco per parcheggiare il camper, subito dopo gli spazi per le autovetture sulla sinistra c’è un’A.A. non attiva, ma aperta; attenzione alla sbarra è a mezza altezza, ma ci si passa. Il Parco è molto bello e fa rivivere tutta la storia, ci sono tutti i personaggi: il pezzo legno che poi diviene Pinocchio, il Gatto e la Volpe, la Fata, il Grande Pescecane nel quale si può entrare e poi i laboratori, le giostre, il gioco dell’oca dove i visitatori sono le pedine, il museo nel quale sono conservati i libri con tutte le traduzioni, una anche in dialetto bresciano. Lasciato il Parco ci siamo diretti verso Siena dove siamo giunti a tarda sera; pernottamento nel Parcheggio del Palasport (costo €20,00/notte compreso carico e scarico). Il mattino del martedì (con molta calma perché siamo in vacanza) , attraversato il centro commerciale della stazione e preso le scale mobili , siamo arrivati alla Porta Camollia dalla quale abbiamo iniziato la visita della città: Piazza del Campo, il Duomo, il cortile dell’Università, …Siena è sempre bella e ogni volta la scopri in maniera diversa. Nel tardo pomeriggio di nuovo in viaggio verso sud, meta la Maremma dove abbiamo un punto sicuro nel quale sostare: l’Oasi di Maremma a Marina di Grosseto sulla S.P. delle Collacchie km 34,IV (www.oasidimaremma.it) un grande parco verde, piazzole spaziose con prato…bisogna un po’ organizzarsi per le zanzare, ma sono l’unico elemento di disturbo, è veramente bella… Il cielo si è schiarito e il sole ci ha consentito di prendere la bicicletta, attraversare la Provinciale ed imboccata la pista ciclabile arrivare alla spiaggia; siamo qui anche perché Francesco aveva espresso il desiderio di ritornare al Bagno Paperino nella speranza di poter rigustare la pizza mangiata tre anni fa (era proprio buona!!!), detto, fatto…il gestore è lo stesso, il pizzaiolo anche, la pizza sempre buona. Tre giorni di sole e relax e poi partenza verso nord con meta Costa degli Etruschi. Sosta a Marina di Bibbona; pernottamento all’A.A. in Via dei Cavalleggeri molto semplice con ghiaia e gestita da un simpatico e modesto signore che noleggia e ripara biciclette sul lato opposto della strada (€ 20,00/notte docce calde a gettoni, bagni). Sistemato il camper abbiamo preso le biclette e ci siamo immersi nella pineta dalla quale si sbuca qua e là sulle spiagge libere. Sabato giornata sulla spiaggia tra mare e sabbia dove Beatrice ha dato forma ad ogni sasso trovato: uno a forma di Barbabella, uno che sembrava un gioiello per una collana, un bracciale… Domenica giornata in bicletta; raggiunto il Forte ci siamo poi diretti alla spiaggia a confine con Castegneto Carducci, bagno e poi di nuovo in bicletta nella pineta per fare il percorso che conduce a Cecina, sosta al piccolo spiazzo dove sono descritti i vari tipi di piante e animali che vivono in pineta, arrivo a Cecina e rientro al camper. Partenza per l’ultima sosta…Versilia?mah! Ci fermiamo a dormire a Viareggio…dormire??? Un incubo nel parcheggio di un supermercato sotto il ponte con auto, moto, treni, ambulanze… ci spostiamo verso i cantieri nautici, ma non cambia nulla e così per la prima volta dall’inizio delle vacanze alle 7 siamo pronti per la colazione; scartiamo la Versilia che non apprezza molto i camper, pensiamo a Lerici e così è. Parcheggio a pagamento, comodo, all’inizio della galleria con bus-navetta gratuito che ci porta in centro; breve visita per la cittadina, i vicoli stretti, le case colorate e il mare limpido, che bello anche il Golfo dei Poeti. Vacanza finita, ma se ne deve inziare un’altra…

Un ringraziamento di cuore a Mario, perché senza di lui la vacanza non ci sarebbe stata.
Michela Alessandro Francesco Beatrice